Sei di Licata se…

Foto del panorama di Licata dal Faro

Quelli che seguono sono dei versi che ironizzano sull’essere licatese.
Un “gioco” che risale a diversi anni fa, nato da un’idea di Luca Maniscalco e diventato subito virale.

Lo abbiamo trovato oggi su Facebook, e non potevamo non farne un articolo:

Sei di Licata se non fai le foto ma le “tiri”.
Sei di Licata se c’è il Bronx ma non sei a New York.
Sei di Licata se “Attia tu”, “Mister”, “Capo”, “Principà”, “Signor lei”.
Sei di Licata se tra Maradona e Pelè non hai dubbi nello scegliere Ciccio La Rosa.
Sei di Licata se  a poker ti giochi “i casi vasci”.
Sei di Licata se a Popolo “ma co i ficia i carti, un porcu”?
Sei di Licata se “sciarra c’è, sciarra c’è”.
Sei di Licata se non conosci l’istituto tecnico, l’ipia, il liceo classico e l’istituto per geometri ma u Liceu, a Ragioneria, u Geometra, u Professionali.
Sei di Licata se “nattri iucammu unu menu ma palla nostra e u portieri volanti”.
Sei di Licata se non sai tradurre in italiano “pezzi che”.
Sei di Licata se a qualunque tipo di offesa personale rispondi “a ta mamma”.
Sei di Licata se Riccione non è solo una città dell’Emilia Romagna.
Sei di Licata se con “piazza” i 45enni intendono piazza Progresso, i 35enni piazze Elena e i 25enni piazza sant’Angelo.
 




 
Sei di Licata se “a cchi ura ni videmmu? Aggiri i quattru”.
Sei di Licata se ti mangi a ranita di don Ciciu.
Sei di Licata se “Com’è? Tutt’apposto? No a Banca”.
Sei di Licata se il Villaggio non è un posto per le vacanze.
Sei di Licata se ti “giochi” la scuola.
Sei di Licata se ai morti sparavi con la pistola ad aria compressa.
Sei di Licata se “mangia mingia che se un mangi mingia mori”.
Sei di Licata se “Problemi? I problemi mancu a scola i faciva”.
Sei di Licata se “esci la macchina dal garage e scendi il cane a fare una passeggiata”.
Sei di Licata se “u sa chi dissa u surciu a nuci? Tempu passa ma ti perciu”.
Sei di Licata se hai mangiato la pasta San Giorgio, la più buona tra la buona pasta.
Sei di Licata se ancora chiami la tv locale “Video Faro”.
Sei di Licata se “un ci nnè mangiari pa iatta”.
Sei di Licata se quando i bambini usano le bici gridano “biiii, biii, biii” oppure imitano la sirena “nino, nino, nino”.
Sei di Licata se “a co apparteni”?
Sei di Licata se sai dove sono “i luci gialli”, “i semafori”, “u priatoriu”, “u fasciu”, “a cunsaria”, “l’ortu”, “dra banna o ponti”, “u cianu a funtana”, “u cianu billingheri”.
Sei di Licata se a pizza ca nsalata russ di Calorio era a ciù bona du munnu.
Sei di Licata se compri u vinu abbanna i casa”.
Sei di Licata se mangi il “mottino”, suoni “l’armonietta” e metti i fogli dentro la “carpetta”.
Sei di Licata se le “basi” a nascondino finiscono sempre con “pagliuni”.
Sei di Licata se uno brutto “ti fa mprissioni” e uno pigro è “unu vili”.
Sei di Licata se “talè, arrivaru i sordi spicci”.
Sei di Licata se uno che non mantiene i segreti è “vudeddru lisciu”.
Sei di Licata se “te la sei mollata” con uno/a.
Sei di Licata se “ca carma”, “a leggiu”, “cala”.                            

E qualcuna l’aggiungiamo noi:
Sei di Licata se va iettiti o cori Gesù.
Sei di Licata se va paici a crapa.
Sei di Licata se vattini a villa    
Sei di Licata se “ta dugnu a manu vutata”.
Sei di Licata se “e chi semmu surdi e muti? Evviva sant’Angilu”.
Sei di Licata se il “venerdì essanto” ti mangi u muffulettu cu tonnu. 
Sei di Licata se ti fa i “zuttuna du scogliu a fungu”.  
Sei di Licata se a “ciavi”, a “cesa”, u “ciovu”. 

Siamo consapevoli che l’elenco potrebbe continuare all’infinito, intanto ci fermiamo qui.

 

 

Lascia un commento