Conosciamo Licata – Palazzo Bosio

Tornato sotto una nuova veste grazie ad un recente restauro, palazzo Bosio è una imponente struttura che domina piazza Sant’Angelo.
Secondo la tradizione popolare sorge sui resti del palazzo che fu di Berengario, piccolo borghese di Licata, noto soprattutto per aver ucciso, con 5 colpi di spada, quello che poi è diventato patrono di Licata, ovvero sant’Angelo.

A volere la sua realizzazione fu il cavaliere maltese Giovanni Bosio (da cui prende il nome) ed è stato costruito nei primi decenni del ‘600 su un palazzo preesistente, diventando uno dei primi esempi di Barocco in Sicilia.
Il palazzo rimane uno dei pochi esempi di questo stile architettonico, diversi altri edifici hanno subito negli anni delle modifiche, soprattutto durante il periodo del Liberty, di cui a Licata si trovano molte tracce.
La struttura è fondamentalmente molto semplice, sono soprattutto i dettagli, numerosi in tutto il palazzo, a mostrare un’arte più raffinata e conserva il progetto originale ad eccezione del settore est, ricostruito nei primi decenni del ‘900.
Il palazzo presenta 2 accessi, indipendenti tra loro e con scopi diversi; da uno infatti si accedeva direttamente ai piani nobiliari, l’altro probabilmente, veniva utilizzato come magazzino e scuderie.
Il palazzo è di proprietà privata, motivo che non lo rende visitabile dal pubblico. Indubbiamente particolare la vista che domina l’intera piazza che diventa unica soprattutto durante i festeggiamenti del patrono, quando la piazza gremita di persone, accoglie l’urna del santo e dei 4 ceri, accompagnandone l’ingresso in chiesa.

 

Lascia un commento