“Confiscati e abbandonati” – Il 26 aprile al Teatro Re Grillo

Locandina dell'evento di A Testa Alta - Confiscati e abbandonati

Appuntamento organizzato da A Testa alta per discutere di beni confiscati alla mafia

“Confiscati e abbandonati”; è questo il nome dell’evento che si terrà a Licata il prossimo 26 aprile presso il teatro comunale Re Grillo.
L’evento è organizzato da A Testa Alta, associazione che già in ha passato ha più volte sollevato questa ma anche altre importanti questioni.

La manifestazione si svolgerà con un dibattito pubblico durante il quale saranno esposte le anomalie e le ombre che ostacolano, in provincia di Agrigento, il passaggio all’ultima fase del processo di restituzione alla collettività dei beni confiscati alla mafia. Troppo spesso i beni conficasti ai mafiosi vengono lasciati in condizioni di abbandono, spesso anche per negligenze da parte dei Comuni.

Quello del prossimo 26 aprile vuole però anche essere un momento di proposte; la confisca dei beni e il loro riutilizzo in favore della collettività hanno in sé un valore simbolico forte e rappresentano una concreta opportunità di creare lavoro e sviluppo.

L’incontro, che si terrà a partire dalle ore 18:00, vedrà la partecipazione di importanti figure impegnate quotidianamente nell’antimafia. Da Pino Maniaci, giornalista e direttore di Telejato a Franco Castaldo, giornalista e co-fondatore e direttore di Grandangolo. Presenti anche figure istituzionali come Salvatore Vella, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Agrigento, Giovanni Lo Iacono, presidente della Cooperativa Sociale “Rosario Livatino”, Calogero Parisi, presidente della Cooperativa Sociale “Lavoro e non solo”.

All’incontro di martedì 26 aprile parteciperà anche la locale associazione teatrale “Il Dilemma”.

Un momento molto importante per parlare di mafia e fare anti-mafia; un momento di denuncia ma anche di proposta per ribadire che la mafia è l’oppressione della Sicilia, un male da cui bisogna liberarsi.

Lascia un commento