C’era a Licata – Castel Nuovo

Costruito dagli aragonesi, presumibilmente nella seconda metà del 1300, di questo castello restano oggi pochissime tracce. Castel Nuovo, chiamato così per differenziarlo dal più celeberrimo Castel San Giacomo (anch'esso andato distrutto), sorgeva su monte Musardo, non lontano dalla cinta muraria che proteggeva la città e a guardia del "regio caricatore di

I luoghi del cuore FAI – Votiamo per la Grangela

Riceviamo e condividiamo: "Il Fai, in occasione della nona edizione de "I luoghi del cuore", organizza una campagna di sensibilizzazione per valorizzare una serie di siti più o meno conosciuti che versano attualmente in stato di degrado o abbandono. Sono luoghi che possono essere speciali per ognuno di noi perché ci ricordano

Monumenti Licata – Castel Sant’Angelo

Foto notturna del castel Sant'Angelo

Monumenti Licata - Storia del Castel Sant'Angelo Castel Sant'Angelo fa parte dell'antico sistema di avvistamento che si estende lungo tutto il litorale licatese. Nasce infatti su una precedente torre di avvistamento realizzata alla fine del '500, è situato sulla sommità della del "monte Ecnomo" suo nome antico, oggi monte Sant'Angelo. La costruzione

Il sindacato degli inquilini apre nei locali della CGIL a Licata

A partire da oggi 18 maggio, apre a Licata la sede del SUNIA (Sindacato Unitario Nazionale Inquilini ed Assegnatari). La finalità è quella di far riconoscere il diritto alla casa e di garantire la sicurezza e la qualità degli alloggi e degli edifici. Offre inoltre assistenza e consulenza per la redazione

Il faro “San Giacomo”

Licata - Foto del faro "San Giacomo"

La storia di uno dei simboli di Licata Sfatiamo subito un mito. Quello di Licata non è, ufficialmente, il terzo faro più alto d'Italia. I suoi 40 metri di altezza sono infatti superati da Genova (77 metri), dal faro di Punta Penna (70 metri) e dal faro della Vittoria di Trieste (68 metri). Quello

Licatese: per fortuna o purtroppo

Foto panoramica di Licata dal porto

Io sono fiero. Io mi vergogno   Io sono fiero di essere licatese perché abbiamo un mare bellissimo. Io mi vergogno di essere licatese perché quel mare l'abbiamo stuprato, anche se volendo ancora non tutto è perduto. Io sono fiero di essere licatese perché abbiamo avuto la squadra in serie B. Io mi

Peppino Impastato, patrimonio di una Sicilia libera e migliore

"Insomma, se venite in Sicilia e sentite qualcuno che per quello che fa viene definito o un "pazzo", o "un drogato", o un "anticonformista", o un "fallito", o un "Playboy fallito", o uno che è meglio non frequentare o tutto questo contemporaneamente ci sarà una grossa possibilità che quell'uomo vada

Rocca San Nicola: oltre al mare una ricca storia da raccontare

Oggi è soprattutto nota come una delle spiagge più affollate durante l'estate. "A Rocca", così come la chiamano i licatesi, regala ai bagnanti dell'omonima spiaggia e del vicino Pisciotto un panorama sicuramente unico, in realtà anche da un punto di vista storico ha molto da raccontare. Sull'isolotto di Inico, così veniva chiamata

Festa di Sant’Angelo: qualche video

Le celebrazioni per il patrono sono indubbiamente uno dei momenti più sentiti per i licatesi. La festa dedicata a Sant'Angelo si articola in diversi momenti, la corsa e l'entrata in chiesa sono sicuramente uno di quelli salienti. Di seguito alcuni video con l'uscita dalla chiesa dell'urna, la prima corsa e l'entrata in